Quantcast
[ 3 / biz / cgl / ck / diy / fa / g / ic / jp / lit / sci / tg / vr ] [ index / top / reports / report a bug ] [ 4plebs / archived.moe / rbt ]

Become a Patron!

/lit/ - Literature


View post   

[ Toggle deleted replies ]
File: 1.87 MB, 2848x4288, christian_kracht.jpg [View same] [iqdb] [saucenao] [google] [report]
10321570 No.10321570 [Reply] [Original]

inspired by >>10316918 I've decided to start a separate thread for works not in English

>> No.10321610

Le notti non dormo, ma spero un giorno di poter piangere, e di poter onorare la tua memoria.

Dite che va bene come introduzione?

>> No.10321757

Ma siamo tutti italiani?

A sto punto facciamo una ita/lit/ia general.

>>10321610
Non è male, ma non capisco l'avversativo. dormire e non piangere non si escludono a vicenda anzi.
Così come non si escludono a vicenda non dormire e sperare. Non so se sono stato chiaro.

>> No.10321809

>>10321757
Sono tedesco, ma andate avanti.

>> No.10321975

Non ricordo quello che è avvenuto prima. Il sogno vero e proprio inizia in una stanza d’albergo. Esco dalla stanza e scendo le scale, ritrovandomi in una stradina. Prendo una motocicletta e inizio a guidare; forse sono inseguito da qualcuno. Percorro un binario, superando continuamente le sbarre dei passaggi a livello che incontro. Arrivo nei pressi di un edificio. Sono insieme ad un mio amico, ma poco dopo essere entrato lo perdo di vista. Entro in una grande sala. Devo incontrare una persona. Due signore sono ai miei lati, tre uomini davanti a me, e dietro di loro una grande vetrata. Prima di poter incontrare quella persona devo guardare venti immagini, che iniziano a comparire dietro alla vetrata. Quando arriva l’ultima immagine uno degli uomini mi consegna una macchina fotografica. Metto a fuoco quello che vedo. Una figura sfocata, ma riesco a riconoscerla: è l’attrice Monica Vitti. Scatto la fotografia. Ora chiedo di incontrare quella persona. Le due signore ai miei lati mi si avvicinano, assumendo una forma mostruosa; il loro grido è l’ultima cosa che ricordo prima del risveglio. Ora che ci penso, qualche giorno fa un gruppo di turisti mi ha chiesto di scattare loro una fotografia; e ieri sera a cena si è parlato di Monica Vitti che compiva gli anni. Ma forse queste non sono che congetture. Il modo con cui il sogno trasforma frammenti di realtà in nuove forme, il suo metodo alchemico, rimane inaccessibile.

>> No.10322093

>>10321975
>Metto a fuoco quello che vedo. Una figura sfocata
Weird.

Per il resto mi piace molto.

>> No.10322141

>>10322093
in che senso, dici per "metto a fuoco" e "sfocata" di seguito? Dici che non ha senso o suona male?

>> No.10322147

>>10322141
Suona male e ha poco senso, sì. Suona contradditorio. Se metto a fuoco quello che vedo, ha poco senso che ciò che vedo sia una figura sfocata.

>> No.10322159

>>10322147
In effetti hai ragione. Il sogno è stato strano, forse quella frase era coerente al suo interno ma non nella descrizione successiva

>> No.10322166

>>10322159
Immagino che la cosa importante sia la figura sfocata. Cambia la frase prima. Usa un servile o un avversativo. Provo a, strizzo gli occhi, cerco di... ma

>> No.10322179

>>10322166
grazie anon

>> No.10322874

Any germans Herr?

>> No.10322902
File: 728 KB, 480x200, 1473974947225.gif [View same] [iqdb] [saucenao] [google] [report]
10322902

>>10322874

>>
Name (leave empty)
Comment (leave empty)
Name
E-mail
Subject
Comment
Password [?]Password used for file deletion.
Captcha
Action